Buon Natale.. Un cazzo!

Ovunque si vede l’effetto di queste festività, quello che non si vede agli occhi degli assuefatti, è il livello di ipocrisia che ci aleggia nel mezzo, spesso notato loro malgrado dalle persone sole

Vorrei comunque dire Buon Natale:buon natale un cazzo

  • a tutti i bambini mai nati perchè abortiti
  • a tutti i bambini di genitori divorziati
  • a tutti i bambini malnutriti
  • a tutti i bambini buttati nei cassonetti, nei fiumi e nei laghi
  • a tutti i bambini che vorrebbero riavere il loro papà con loro
  • a tutti i bambini che non nasceranno mai per l’egoismo umano
  • a tutti i bambini vittima delle conseguenze becere umane
  • a tutti i bambini che diverranno schiavi in una società malata e corrotta

Buon Natale anche:

  • a tutti i celibi per scelta quale male minore in una società nazifemminista
  • a tutti i celibi perchè non hanno soldi sufficienti per corteggiare
  • a tutti i celibi che non rispondono ai canoni di bellezza femminile
  • a tutti i celibi che non hanno soldi sufficenti per essere attraenti
  • a tutti i celibi che sono invisibili comunque al femminile
  • a tutti i celibi che hanno valori passati e quindi obsoleti ed inutili
  • a tutti i celibi che sono stati sfruttati e derisi dal femminile
  • a tutti i celibi che sono diventati anziani
  • a tutti i celibi che hanno preferito non partecipare per vincere una figa
  • a tutti i celibi che vorrebbero una compagna ma non ne hanno i requisiti
  • a tutti i celibi con mentalità antica uomo=lavoro, donna=casa e bambini

Inoltre, Buon Natale:

  • a tutti gli uomini divorziati
  • a tutti gli uomini che ogni giorno lavorano per la società
  • a tutti gli uomini che ogni giorno garantiscono la susistenza familiare

Ma un Buon Natale non sarebbe tale senza le anziane nonne d’Italia che lo ricordano a tutti noi con i loro sughi, sapori ed odori tipici del pranzo Natalizio, spesso l’unica vera opportunità di ritrovarsi tutti sotto lo stesso tetto, rivedere nipoti, sorrisi ed abbracci sempre più rari oggi, anche perchè si preferisce rinchiuderli in ospizi…

L’istituto matrimoniale decadente, il matrimonio 2.0, non offre questo raro momento colleghiale e sociale che ci ricorda quanto sia effimero tutto il resto senza avere l’affetto e l’attenzione delle persone care accanto, quindi l’unico modo per assaporare tali momenti è avere la fortuna di avere a casa una nonna, una donna di altri tempi, a ricordarcelo.

Le donne odierne generalmente sono troppo piene di sè ed egoiste per alzarsi presto la mattina e rendere questo miracolo possibile, con la scusa di andare a lavorare, della carriera, generalmente si sono dimenticate di quanto sia stupendo sottomettersi al proprio uomo, come affermava San Paolo nei riguardi delle donne, affermazioni che si trovano soprattutto nelle cosiddette lettere deuteropaoline e pastorali (Colossesi ed Efesini, 1-2Timoteo e Tito), ora come fare a spiegarlo a donne moderne che indossano crocefissi talvolta griffati, quando poi hanno abbracciato il nazifemminismo e si sono allontanate ipocritamente dalla Chiesa che quel crocefisso dovrebbe ricordare, è semplicemente utopia.

..a tutti gli altri? Un cazzo!

Annunci

..scrivi pure la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...